Per ottimizzare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies. Cliccando accetta si autorizza l'uso dei cookies. Maggiori informazioni
Accetto
Register
iscriviti gratuitamente ad It's Tuscany, scoprirai gli incantevoli territori della Toscana, i suoi prodotti e le sue tipicità
Privato
Azienda
 Registrami alla newsletter per ricevere offerte sui prodotti e news dai territori
Inviando questo modulo si accosente il trattamento dei dati personali sopra inseriti, per la funzione del servizio richiesto, i dati saranno tutelati in base al d.l. n 196 del 30 giugno 2003 decreto legislativo n. 196 del 30/06/2003
 * Spuntando la casella si accettano i  Termini e condizioni generali  di It's Tuscany

Condividi:  Send via email Share on facebook Share on twitter share on Google plus share on WhatsApp
Enogastronomia

LAMPREDOTTO FIORENTINO

Una frattaglia ricca di storia e tradizione

Il Lampredotto fiorentino è un prodotto tipico della splendida città di Firenze. Considerato da sempre un “cibo povero” perché accessibile a tutti, ha subìto oggi una rivalutazione grazie al ritorno della cucina popolare. Il Lampredotto è una frattaglia, terza parte dello stomaco del bovino adulto che soltanto a Firenze e nei paesi vicini viene conservata per dar vita a gustosi piatti. Questo particolare prodotto è tramandato nei suoi aromi dal “lampredottaio” o “trippaio fiorentino”, gli unici capaci di esaltare i sapori di questa morbida carne.

Le storie legate a questo piatto narrano di una cultura antichissima connessa al bisogno dei più poveri di trovare proteine a buon mercato; la sua riscoperta lo rende oggi un prodotto di punta della cucina fiorentina. Sebbene il classico modo di mangiarlo sia all’interno di un panino condito con sale, pepe e salsa verde, oggi lo si può trovare in moltissime varianti. Misto ai bolliti toscani o come condimento delle pennette. Emblema dello street food, questa speciale carne si può gustare anche nelle antiche osterie toscane o nei ristoranti a conduzione familiare dei dintorni fiorentini.

 

Photo Credits [braciamiancora.com]

albero detail
Dallo stesso territorio