Per ottimizzare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies. Cliccando accetta si autorizza l'uso dei cookies. Maggiori informazioni
Accetto
Register
iscriviti gratuitamente ad It's Tuscany, scoprirai gli incantevoli territori della Toscana, i suoi prodotti e le sue tipicità
Privato
Azienda
 Registrami alla newsletter per ricevere offerte sui prodotti e news dai territori
Inviando questo modulo si accosente il trattamento dei dati personali sopra inseriti, per la funzione del servizio richiesto, i dati saranno tutelati in base al d.l. n 196 del 30 giugno 2003 decreto legislativo n. 196 del 30/06/2003
 * Spuntando la casella si accettano i  Termini e condizioni generali  di It's Tuscany

Condividi:  Send via email Share on facebook Share on twitter share on Google plus share on WhatsApp
Enogastronomia

BISTECCA ALLA FIORENTINA

Un taglio nobile

Nell’olimpo della ristorazione toscana, Firenze ha un posto privilegiato grazie alla sua bistecca alla fiorentina. Non vi è ristorante o trattoria che non la cucini. Bistecca alla fiorentina è sinonimo di tradizione, cucina toscana e carne chianina.

Proviene esclusivamente dalle vacche allevate nella zona della Val di Chiana ed è un taglio nobile ottenuto da carne di vitellone o di scottona. Si ricava dalla lombata ed insieme al suo osso è magnificamente alta un centimetro e mezzo. Il suo taglio, troppo costoso e impegnativo per poterlo trovare presso fiere di paese, è il motivo per cui è considerata una carne pregiata.

Questo piatto rinomato in tutto il mondo, risale all’epoca dei Medici, quando i fiorentini durante la notte di San Lorenzo erano soliti cucinare una grande quantità di carne di vitello.Anche la cottura di questa carne, che sembra semplice, richiede cura ed attenzione. Andrebbe estratta fuori dal frigo almeno due ore prima del consumo per evitare sbalzi termici sulla griglia.

Se chiediamo ad un toscano quale sia la giusta cottura della fiorentina risponderà sempre al sangue, ovvero appena cotta. Per finire al meglio la bistecca alla fiorentina si serve con un filo di olio extravergine d’oliva, sale e pepe. Essendo una carne corposa merita un accompagnamento degno della sua maestosità. La troviamo abbinata con il Chianti Classico, con il Montepulciano d’Abruzzo o con il Barbaresco.

albero detail
Dallo stesso territorio