Per ottimizzare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies. Cliccando accetta si autorizza l'uso dei cookies. Maggiori informazioni
Accetto
Register
iscriviti gratuitamente ad It's Tuscany, scoprirai gli incantevoli territori della Toscana, i suoi prodotti e le sue tipicità
Privato
Azienda
 Registrami alla newsletter per ricevere offerte sui prodotti e news dai territori
Inviando questo modulo si accosente il trattamento dei dati personali sopra inseriti, per la funzione del servizio richiesto, i dati saranno tutelati in base al d.l. n 196 del 30 giugno 2003 decreto legislativo n. 196 del 30/06/2003
 * Spuntando la casella si accettano i  Termini e condizioni generali  di It's Tuscany

Condividi:  Send via email Share on facebook Share on twitter share on Google plus share on WhatsApp
tradizioni

Sagra del Tordo di Montalcino

Buon cibo e rievocazioni medievali nel cuore della Val d'Orcia

I Quartieri che diedero origine alla città di Montalcino rivivono il proprio passato e la propria tradizione secolare attraverso la rievocazione storica della Sagra del Tordo. La Sagra del Tordo si celebra dal 1958 nell’ultima domenica di ottobre.

È una delle sagre più antiche della regione Toscana e si tratta non solo di un’occasione per degustare negli stand gastronomici allestiti sotto le mura della Fortezza, le squisitezze di questo ricco territorio, come pinci al sugo (pici chiamati così nella Val d’Orcia), pappardelle al ragù di cinghiale, carne alla brace accompagnati dal noto vino Brunello di Montalcino. Ma è anche un momento nel quale i quattro Quartieri, Borghetto (bianco e rosso), Pianello (bianco e blu), Ruga (giallo e blu) e Travaglio (giallo e rosso), gareggiano in una competizione di tiro con l'arco che fa fremere e gioire tutta la popolazione di Montalcino.

La manifestazione è una delle più attese dell’anno insieme all’apertura delle caccie in agosto. Non a caso questa Sagra affonda le proprie origini nella tradizione venatoria del territorio. Montalcino, circondata da una delle terre della Toscana più ricca di oliveti e vigneti, vede ad ottobre un flusso di uccelli migratori consistente più che nelle altre zone, appunto i tordi.

Nel Medioevo i cacciatori tornavano a casa ricchi di cacciagione e le donne del paese davano sfoggio della loro maestria nel cucinare le prede. Oggi durante la festa un gruppo di montalcinesi abbigliati come nell’ottocento sfilano per le vie di Montalcino in un esemplare corteo storico, musici del gruppo folkloristico il Trescone inondano le strade di musica ed invitano a partecipare al ricco banchetto.

albero detail
Dallo stesso territorio