Accetto
Per ottimizzare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies. Cliccando accetta si autorizza l'uso dei cookies. Maggiori informazioni
Register
iscriviti gratuitamente ad It's Tuscany, scoprirai gli incantevoli territori della Toscana, i suoi prodotti e le sue tipicità
Privato
Azienda
 Registrami alla newsletter per ricevere offerte sui prodotti e news dai territori
Inviando questo modulo si accosente il trattamento dei dati personali sopra inseriti, per la funzione del servizio richiesto, i dati saranno tutelati in base al d.l. n 196 del 30 giugno 2003 decreto legislativo n. 196 del 30/06/2003
 * Spuntando la casella si accettano i  Termini e condizioni generali  di It's Tuscany

Condividi:  Send via email Share on facebook Share on twitter share on WhatsApp
tradizioni

Bruscello di Montepulciano

Tradizione e folklore in Valdichiana

Da circa 50 anni sul sagrato della Cattedrale di Montepulciano, cittadina della Valdichiana, oltre un centinaio di giovani si ritrovano per ‘Cantare il Bruscello’, un’antica tradizione popolare toscana di origini medioevali.

Bruscello è una parola che deriva dalla volgarizzazione della parola brusco o pungitopo, il quale viene portato nel luogo della rappresentazione. La tradizione tipica del senese e in particolare della zona del Monte Cetona è simile ad altre tradizioni locali come i Maggi, i Contrasti e le Zingaresche.

I Bruscelli sono vere e proprie interpretazioni itineranti, di contadini che scrivevano e cantavano per le campagne della Valdichiana. Questi, erano chiamati i ‘Bruscellanti’ guidati dal capo ‘Vecchio del Bruscello’.

Le rappresentazioni si spostarono poi in Piazza Grande trasformando la tradizione in festa e folklore. Dal 1939 la compagnia del Bruscello ha messo in scena oltre 30 testi diversi, assumendo la forma di Cooperativa per mantenere viva la tradizione cara al popolo della Valdichiana.

 

Photo Credits [lavaldichiana.it]

albero detail
Dallo stesso territorio