Accetto
Per ottimizzare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies. Cliccando accetta si autorizza l'uso dei cookies. Maggiori informazioni
Register
iscriviti gratuitamente ad It's Tuscany, scoprirai gli incantevoli territori della Toscana, i suoi prodotti e le sue tipicità
Privato
Azienda
 Registrami alla newsletter per ricevere offerte sui prodotti e news dai territori
Inviando questo modulo si accosente il trattamento dei dati personali sopra inseriti, per la funzione del servizio richiesto, i dati saranno tutelati in base al d.l. n 196 del 30 giugno 2003 decreto legislativo n. 196 del 30/06/2003
 * Spuntando la casella si accettano i  Termini e condizioni generali  di It's Tuscany

 

Cetona

Condividi:  Send via email Share on facebook Share on twitter share on WhatsApp

BORGO MEDIEVALE RICCO DI STORIA

L’origine del nome Cetona deriva forse da un’antica pieve paleocristiana citata in documenti del 1275.

Cetona fu abitata sin dall’epoca etrusca e romana, mentre nel 1207 si ha le prime testimonianze sul Castello di Cetona. Il borgo è stato sotto il dominio della Repubblica di Orvieto per poi passare nel 1418 per un secolo e mezzo alla Repubblica di Siena.

Nel 1556 gli abitanti si arrendono alla conquista dell’esercito imperiale e il borgo viene così inglobato dal Granducato di Toscana.

Seguì un breve ma fiorente periodo per la cittadina, in cui divenne feudo della famiglia Vitelli; tornò in seguito a far parte del Granducato di Toscana e ne seguì le sorti fino all’Unità d’Italia.

 

UN INTRECCIO DI NATURA E ARCHITETTURA RINASCIMENTALE

La peculiarità di Cetona è quella di essere un connubio perfetto tra la dolcezza del paesaggio che la circonda e le pietre delle architetture presenti nel borgo. Le vie del paese sono qui chiamate “coste”, perché costeggiano il monte.

L’abitato si snoda attorno alla piazza rinascimentale Garibaldi costruita su volere Gian Luigi Vitelli, nominato marchese dai Medici, e prosegue verso la Torre del Rivellino. Piazza Garibaldi è abbracciata da edifici seicenteschi tra cui Palazzo Vitelli.

Numerose sono le piazze e i palazzi da scoprire, tra cui Palazzo Sgarroni, Palazzo Minutelli oggi sede del Municipio e del Museo Civico.

Un tempo le mura del borgo avevano tre giri, oggi nel rotondo torrione del Rivellino del XVI secolo è conservata ancora la traccia della terza cinta muraria. Da non perdere è la più bella chiesa del borgo dedicata alla Santissima Trinità e il quartiere settecentesco circondato da uno splendido parco di quindici ettari.

 

Tradizioni

Borgo dalle origini antiche è anche ricco di tradizioni come Cetona in Fiore, una fiera che si svolge ad aprile, la Fiera di Primavera, la Fiera d’Autunno. Ma la tradizione più suggestiva è la Corsa delle Brocche, una rievocazione storica in cui sono fondamentali la resistenza e l’affiatamento; la sfida è portare, in coppia, una brocca piena d’acqua per ogni contrada del paese.

Tipicità

Il piatto più famoso è i pici con l’aglione, un tipo di pasta lunga conditi con salsa di pomodoro e aglio e peperoncino. Tra i prodotti Cetona vanta una ricca produzione di olio e vino, tanto da far parte delle associazioni Città dell’Olio e Città del Vino con il Chianti dei Colli Senesi.

Events Eventi
News Notizie
Stores Aziende
Company Company
Operators Operators
Hotels Hotel
Restaurants Ristoranti
Raggio
Filtra per categorie: 
 5 Km
 10 Km
 15 Km
 20 Km