Per ottimizzare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies. Cliccando accetta si autorizza l'uso dei cookies. Maggiori informazioni
Accetto
Register
iscriviti gratuitamente ad It's Tuscany, scoprirai gli incantevoli territori della Toscana, i suoi prodotti e le sue tipicità
Privato
Azienda
 Registrami alla newsletter per ricevere offerte sui prodotti e news dai territori
Inviando questo modulo si accosente il trattamento dei dati personali sopra inseriti, per la funzione del servizio richiesto, i dati saranno tutelati in base al d.l. n 196 del 30 giugno 2003 decreto legislativo n. 196 del 30/06/2003
 * Spuntando la casella si accettano i  Termini e condizioni generali  di It's Tuscany

Piombino

Notizie

Parco Archeologico di Baratti e Populonia, tra mare e natura

Per scoprire i tesori archeologici del parco

Per un tuffo nel passato in un contesto paesaggistico indimenticabile, nel corso di un itinerario di viaggio alla scoperta delle bellezze della regione Toscana, è consigliata una tappa al “Parco Archeologico di Baratti e Populonia“.

Posto tra le pendici del promontorio di Piombino e il Golfo di Baratti, dove sorgeva un tempo la città etrusca e romana di Populonia, il parco è articolato in diverse aree visita che permettono di vedere le trasformazioni avvenute nel territorio nel corso dei secoli. Al suo interno è compresa una porzione importante dell’abitato dell’antica città di Populonia, le necropoli e i quartieri industriali nei quali si lavorava l’ematite proveniente dall’Isola d’Elba.

Un promontorio boscoso affacciato sul mare era il paesaggio del IX-VIII secolo quando iniziarono a sorgere le prime capanne dell’aristocrazia di Populonia. Oggi rimangono maggiormente solo le tracce della Populonia “romana“ del II secolo a.C., periodo durante il quale furono costruiti terme, templi e santuari.

Cosa vedere all'interno del Parco Archeologico?

 

  • La Necropoli di San Cerbone:  Situata nella parte bassa del Parco è costituita da tumuli e tombe a edicola di Populonia nel VII-VI sec. a.C., che mostrano l’evoluzione dell’architettura funeraria.

 

  • La Necropoli delle Grotte: Nella zona collinare affacciata sul golfo di Baratti si estende questa necropoli con tombe a camera, scavate direttamente nella roccia.

 

  • Il Centro di archeologia sperimentale "Davide Mancini": Interessante per piccini e non è il centro di archeologia sperimentale, all’interno del quale è possibile fare esperienza di numerose attività come ad esempio la riproduzione di vasellame di età pre e protostorica o la scrittura etrusca. Un operatore del centro guiderà i visitatori nella fabbricazione di vasi con la tecnica del colombino oppure sarà possibile imparare a leggere e a scrivere parole dell’antica lingua etrusca.

 

  • L’Acropoli di Populonia: Con un percorso facile e lineare all’interno di quest’area è possibile ammirare i resti dei templi romani una volta posti al centro della città antica. La via lastricata della città conduce verso i terrazzamenti sui quali si articolavano gli ambienti dell’epoca.

 

Come arrivare al Parco:

 

Per raggiungere il Parco di Baratti e Populonia si accede dalla strada provinciale della Principessa SP 23 che unisce San Vincenzo a Piombino. La strada interna al Golfo conduce, dopo 2 km, all’ingresso del Parco, lato mare, dove si trova il parcheggio del parco (Casone).

 

 

 

Photo Credits [parchivaldicornia.it]