Accetto
Per ottimizzare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies. Cliccando accetta si autorizza l'uso dei cookies. Maggiori informazioni
Register
iscriviti gratuitamente ad It's Tuscany, scoprirai gli incantevoli territori della Toscana, i suoi prodotti e le sue tipicità
Privato
Azienda
 Registrami alla newsletter per ricevere offerte sui prodotti e news dai territori
Inviando questo modulo si accosente il trattamento dei dati personali sopra inseriti, per la funzione del servizio richiesto, i dati saranno tutelati in base al d.l. n 196 del 30 giugno 2003 decreto legislativo n. 196 del 30/06/2003
 * Spuntando la casella si accettano i  Termini e condizioni generali  di It's Tuscany

Toscana

Notizie

Guida completa all’olio d’oliva toscano

Come capire se è buono

Ti sei mai chiesto come puoi effettivamente sapere se un olio d'oliva è effettivamente "extravergine" e soprattutto se può considerarsi buono?

Al massimo della freschezza, l'olio d'oliva è ricco di antiossidanti e polifenoli, le sostanze chimiche a base vegetale che si ritiene contrastino lo sviluppo di tumori, ipertensione, malattie cardiache e diabete.

Questi benefici per la salute, così come il gusto ottimale dell'olio d'oliva, si degradano nel tempo. Quindi, come puoi capire se l'olio d'oliva che stai assaggiando è autenticamente “buono”? 

Dai un'occhiata ai consigli qui sotto, come se fosse una guida per l’olio toscano.

 

1. Annusalo e gustalo (quando puoi)

Il vero olio d'oliva dovrebbe avere un odore fresco, come l'erba o qualcosa di fruttato; evita quell’olio che ha un odore rancido o che addirittura non ha odore. Oltre all'olfatto, quando assaggi gli oli d'oliva, dovresti riconoscere dei sentori di erba, frutta e mandorle; è un buon segno se l'olio ha un sapore un po’ amaro (ma non troppo) e un sapore pepato, piccantino. Non preoccuparti troppo del colore: può variare da una tonalità verdastra o paglierina.  

 

2. Colore e gusto non sono correlati

                     

Di solito si dice che un buon olio d'oliva dovrebbe avere un colore verde intenso, mentre l'olio d'oliva giallo chiaro è debole e insapore. Questo però è un mito che si è rivelato falso, ed è il motivo per cui i bicchieri da degustazione di olio d'oliva sono sempre colorati; la percezione del colore non intacca il palato.

 

3. Ancora di più sul suo gusto

La vera oliva ha un gusto complesso e forte, ma non necessariamente pepato e piccante.

Ti sei mai trovato a versare molto olio su un'insalata perché rimaneva insapore?

È probabile che l'olio d'oliva che ti è stato dato non fosse extravergine, anche se l'etichetta lo diceva. Tuttavia, non è lapalissiano che il vero olio d'oliva è sempre pepato e piccante... In modo simile al vino, il suo gusto dipende da tanti fattori; cambierà a seconda del tipo d’oliva, di come è stata coltivata, dal terreno, di come e quando è stata raccolta, di come è stata trasportata al frantoio, come sono predisposte le olive per essere frante, e così via.

 

4. Guarda la data del lotto

Attenzione: non è la stessa della data di scadenza. Guarda l'etichetta della bottiglia per la “il lotto di produzione", "data di imbottigliamento": se trovi solo una data di scadenza e nient'altro, dovresti prendere in considerazione il fatto di non acquistare quell’olio.

 

5. Prestare attenzione a come viene imbottigliato

                     

L'olio d'oliva deve essere conservato in un luogo buio e fresco, quindi se la bottiglia è limpida, ti consigliamo di starne lontano. Una bottiglia più scura aiuterà a conservare l'olio d'oliva; inoltre una bottiglia di plastica è troppo porosa per proteggerla dal calore, dalla luce o dall'umidità.

 

6. Leggere attentamente le etichette

Solo perché l'olio d'oliva dice che è stato "confezionato" o "imbottigliato" in un determinato luogo, non significa che le olive siano state coltivate lì o che l'olio sia stato prodotto lì. Guarda l'etichetta per scoprire esattamente dove è stato prodotto; inoltre l'etichetta dovrebbe indicare "extravergine" ed evitare termini come "puro", "leggero": spesso questi vocaboli stanno a  significare che l’olio in questione è stato raffinato chimicamente. 

 

7. Prezzo

L'olio di oliva appena raccolto (che ha il più alto livello di polifenoli sani) è l'olio spremuto dall'oliva prima che l'oliva sia matura. Un'oliva acerba produce molto meno rispetto alle altre, ma il suo prodotto è di qualità molto superiore ed è più costoso.

 

8. L'olio d'oliva va a male o scade?

A differenza del vino, l'olio d'oliva non migliora con l'età. Purtroppo le olive vanno a male: questo perché sono un prodotto deperibile. Dal momento in cui viene imbottigliato, l'olio d'oliva ha una durata di 18-24 mesi.

Controlla di nuovo la data di scadenza prima di acquistare una bottiglia per assicurarti di acquistare l'olio più fresco possibile.

E a proposito di quella data di scadenza: è davvero più una linea guida che una data di scadenza rigida, pensata per determinare la freschezza di una bottiglia non aperta.

Una volta aperta, dovresti usarla entro 30-60 giorni (o al massimo entro un anno).

 

                      Scopri sul nostro shop l'OLIO TOSCANO dei nostri produttori!