Accetto
Per ottimizzare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies. Cliccando accetta si autorizza l'uso dei cookies. Maggiori informazioni
Register
iscriviti gratuitamente ad It's Tuscany, scoprirai gli incantevoli territori della Toscana, i suoi prodotti e le sue tipicità
Privato
Azienda
 Registrami alla newsletter per ricevere offerte sui prodotti e news dai territori
Inviando questo modulo si accosente il trattamento dei dati personali sopra inseriti, per la funzione del servizio richiesto, i dati saranno tutelati in base al d.l. n 196 del 30 giugno 2003 decreto legislativo n. 196 del 30/06/2003
 * Spuntando la casella si accettano i  Termini e condizioni generali  di It's Tuscany

Condividi:  Send via email Share on facebook Share on twitter share on WhatsApp
Enogastronomia

CONFETTO A RICCIO DI PISTOIA

Un dolce dal cuore morbido

Confetto a riccio o come viene chiamato dai pistoiesi confetto “birignoccoluto”, è il confetto dell’antica tradizione artigianale di Pistoia. Le sue increspature fanno da corazza al morbido interno; è di colore bianco ed ha un retrogusto di vaniglia, mentre il suo ripieno è di semi di anice o di coriandolo.

Nelle antiche ricette si era soliti riscaldare lo zucchero il quale veniva versato a caduta sul confetto. Per poter godere al meglio del suo sapore, esso va fatto sciogliere delicatamente in bocca fino ad arrivare alla sua polpa. La lavorazione di questo prodotto richiede passione e pazienza. Gli ingredienti per dargli vita sono versati nella tipica “bassina” un recipiente di rame e poi ricoperti da un velo di zucchero bianco. È importante in questa fase prestare attenzione alla temperatura affinché il confetto non perda l’arricciatura. Nelle versioni più golose la sua anima è ripiena di nocciole, canditi, cioccolato o caffè

Questo particolare dolce, era offerto sin dal 1300 nelle colazioni servite ai nobili, ai vescovi, ai magistrati per festeggiare il Santo Patrono Jacopo. La popolarità di questi dolcetti si è intrecciata anche con la storia del cinema quando il regista Federico Fellini li ha usati in una scena del Carnevale di Venezia del film “Casanova” del 1976. Ai confetti è legata anche un’altra curiosità: il nome “coriandoli”, quelli tipici del Carnevale si deve alla tradizione di gettare confetti dalla finestra al passaggio del vescovo (definita una “gran salve di coriandoli”); tali coriandoli altro non erano che il ripieno dei confetti.

 

Credits [latoscananelcuore.com]

albero detail
Dallo stesso territorio

Pastificio Chelucci

Tagliatelle

5 confezioni da 500 gr.cad.

€ 19,75

Pastificio Chelucci

Spaghetti

5 confezioni da 500 gr. cad.

€ 15,60

Pastificio Chelucci

Riccioli

5 confezioni da 500 gr.cad.

€ 15,60

Pastificio Chelucci

Paccheri

5 confezioni da 500 gr.cad.

€ 19,75

Pastificio Chelucci

Strigoli

5 confezioni da 500 gr. cad.

€ 15,60