Per ottimizzare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies. Cliccando accetta si autorizza l'uso dei cookies. Maggiori informazioni
Accetto
Register
iscriviti gratuitamente ad It's Tuscany, scoprirai gli incantevoli territori della Toscana, i suoi prodotti e le sue tipicità
Privato
Azienda
 Registrami alla newsletter per ricevere offerte sui prodotti e news dai territori
Inviando questo modulo si accosente il trattamento dei dati personali sopra inseriti, per la funzione del servizio richiesto, i dati saranno tutelati in base al d.l. n 196 del 30 giugno 2003 decreto legislativo n. 196 del 30/06/2003
 * Spuntando la casella si accettano i  Termini e condizioni generali  di It's Tuscany

Condividi:  Send via email Share on facebook Share on twitter share on Google plus share on WhatsApp
Enogastronomia

Aglione della Valdichiana

L'aglio dal sapore delicato

L’Aglione della Valdichiana viene prodotto in questa zona della Toscana da secoli.

Si tratta di un aglio dalle dimensioni notevoli, può arrivare a pesare 800 gr, e dal caratteristico aroma delicato grazie all’assenza della allina e di colore bianco tendente all’avorio. L’Aglione della Valdichiana è utilizzato nella cucina toscana da sempre, ed è molto amato per le sue particolari proprietà organolettiche, il sapore dolciastro e la facilità di digeribilità.

La storia dell’Aglione si può far risalire al popolo etrusco e la sua coltivazione è andata lentamente a diminuire negli anni ‘60. Fortunatamente, nella Valdichiana, sono sopravvissute delle piccole coltivazioni a livello familiare che hanno fatto sì che la tradizione venisse mantenuta. Negli ultimi anni la produzione ha ripreso il via e il territorio prettamente interessato alla coltivazione ricade nell'area tra Siena e Arezzo. In particolare, nei comuni di Montepulciano, Civitella in Valdichiana, Torrita di Siena, Sinalunga, Chiusi, San Casciano dei Bagni, Chianciano, Sarteano, Cetona, Foiano della Chiana, Cortona e altri.

Il terreno più adatto alla coltivazione dell’Aglione è sabbioso e non troppo umido; la raccolta si compie in estate, tra giugno e luglio e la conservazione avviene in un luogo asciutto, ventilato e al riparo dai raggi solari diretti.

L’Aglione, dal 2016, è stato inserito nell'elenco dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali della Regione Toscana e nell'elenco Nazionale dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali.

 

 

 

albero detail
Dallo stesso territorio