Per ottimizzare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies. Cliccando accetta si autorizza l'uso dei cookies. Maggiori informazioni
Accetto
Register
iscriviti gratuitamente ad It's Tuscany, scoprirai gli incantevoli territori della Toscana, i suoi prodotti e le sue tipicità
Privato
Azienda
 Registrami alla newsletter per ricevere offerte sui prodotti e news dai territori
Inviando questo modulo si accosente il trattamento dei dati personali sopra inseriti, per la funzione del servizio richiesto, i dati saranno tutelati in base al d.l. n 196 del 30 giugno 2003 decreto legislativo n. 196 del 30/06/2003
 * Spuntando la casella si accettano i  Termini e condizioni generali  di It's Tuscany

Castelnuovo dell'Abate

Notizie

L’Abbazia di Sant’Antimo

Un gioiello architettonico immerso tra le colline di Montalcino

Abitata un tempo dai monaci benedettini, l’Abbazia di Sant’Antimo è collocabile intorno al XII secolo anche se fonti storiche ne confermano le origini ben più antiche.

La leggenda è solita far risalire la fondazione di Sant’Antimo al IX secolo, durante il Sacro Romano Impero guidato dall’imperatore Carlo Magno, ritenuto il fondatore di una cappella, detta Cappella Carolingia, corrispondente all’attuale sagrestia.

Quel che è certo è che l’Abbazia esisteva già nell’anno 814 quando il successore di Carlo Magno, Ludovico il Pio, la arricchì di beni e privilegi.

Durante l’epoca comunale l’Abbazia perse alcuni possedimenti tra cui l’importante castello di Montalcino che, per la sua posizione, era oggetto di interesse per le mire espansionistiche di Siena.

Nel XIII secolo i beni di Sant’Antimo sono decimati e il monastero è in stato di decadenza; bisognerà attendere il 1870 quando verrà avviata una lunga campagna di restauri.

 

 

Le visite

 

L’Abbazia di Sant’Antimo è aperta al pubblico e visitabile: è possibile ammirare la Cappella Carolingia, la cripta, il loggiato superiore, la farmacia monastica e l’orto di San Benedetto. Durante la visita si potrà scoprire la navata della chiesa dall’alto delle tribune e osservare i piccoli “ritagli” di paesaggio dalle monofore del deambulatorio superiore, pagando il biglietto di 6 euro.

Questi gli orari di apertura:

1 novembre - 31 marzo: tutti i giorni ore 10.30- 17.00
1 aprile - 31 ottobre: tutti i giorni ore 10.00- 19.00

 

Attività culturali correlate

 

All’Abbazia vengono spesso organizzate diverse attività culturali come: corsi di canto gregoriano, tenuti da maestri di fama internazionale; corsi di miniatura, per scoprire le tecniche e lo stile della miniatura medievale o laboratori didattici della farmacia monastica, per riscoprire la tradizione erboristica e la preparazione dei prodotti.

Alla Farmacia monastica, infine, è possibile acquistare miele, confetture e tisane tutte prodotte seguendo le antiche ricette o prodotti per la cura del corpo, realizzati con essenze naturali ed erbe officinali.

 

 

Per maggiori info è possibile visitare il sito ufficiale.

Informazioni e prenotazioni:
+39 0577. 286300
mail: abbazia@antimo.it