Per ottimizzare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies. Cliccando accetta si autorizza l'uso dei cookies. Maggiori informazioni
Accetto
Register
iscriviti gratuitamente ad It's Tuscany, scoprirai gli incantevoli territori della Toscana, i suoi prodotti e le sue tipicità
Privato
Azienda
 Registrami alla newsletter per ricevere offerte sui prodotti e news dai territori
Inviando questo modulo si accosente il trattamento dei dati personali sopra inseriti, per la funzione del servizio richiesto, i dati saranno tutelati in base al d.l. n 196 del 30 giugno 2003 decreto legislativo n. 196 del 30/06/2003
 * Spuntando la casella si accettano i  Termini e condizioni generali  di It's Tuscany

Capannori

Notizie

La Villa Reale di Marlia e il Borgo delle Camelie

Per una giornata di marzo tra i colori della storia e della natura

Nel cuore della Toscana, a Lucca, si trova una tra le più importanti dimore storiche d’Italia, La Villa Reale di Marlia (XVII sec.).

La dimora fu nel XIX secolo residenza di Elisa Bonaparte Baciocchi, sorella di Napoleone e Principessa di Lucca. Nella seconda metà dell’Ottocento la residenza d’epoca passò nelle mani del regno d’Italia e divenne proprietà di #VittorioEmanueleII, il quale decise di cederla a Penelope Carolina, vedova di Carlo di Borbone.

È nel 1923 che vennero creati boschi, ruscelli e un lago all’interno del parco, per volere del Conte e della Contessa Pecci-Blunt che acquistarono la proprietà.

Circondata da alte mura, si estende su una superficie di 16 ettari e annovera numerosi e raffinati giardini con vere rarità botaniche. Il parco della Villa è percorso dai famosi viali delle Camelie ed ospita due Teatri, quello d’Acqua e quello di Verzura, dove si esibì spesso il celebre violinista Niccolò Paganini per Elisa.

A questi si aggiungono il Giardino dei Limoni, con il gruppo marmoreo di Leda e il Cigno, e il Giardino Spagnolo di gusto decò.  

Sempre all’interno del parco si trovano anche la Villa del Vescovo (XVI sec.), adiacente al Ninfeo detto “grotta di Pan”, e l’elegante Palazzina dell’Orologio con la loggia panoramica (XVIII sec.).

Nel mese di marzo vale la pena visitare il parco della villa, una cui parte conserva l’originario impianto seicentesco con siepi, aiuole fiorite e alberi d’alto fusto e l’altra è disegnata secondo la moda del giardino all’inglese con sentieri, punti panoramici e boschetti ombrosi. Ricchissimo è poi il patrimonio arboreo, con grandi esemplari di abies, quercus palustris, pini, lecci e platani.

 

Le camelie della Lucchesia

   

Nelle vicinanze merita una visita il “Borgo delle camelie“ formato dall’insieme di due piccoli paesini, Pieve e Sant’Andrea di Compito. Le mura del paese sono sormontate da alti alberi di camelie i cui sgargianti colori accompagnano per le salite e le discese del borgo.

Qui è possibile andare ad ammirare il Camelieto nel quale si trovano circa mille specie di camelie, un vero e proprio suggestivo bosco di fiori, visitabile su prenotazione

Tra il 1 marzo e il 7 aprile 2019 è possibile infine usufuire della promozione per visitare la Mostra delle camelie di Sant’Andrea di Compito + la visita al parco di Villa Reale al prezzo di 13€ a persona.

 

Maggiori info sul sito della Villa Reale di Marlia.

 

 

Photo Credits [facebook.com/pg/VillaRealeDiMarlia]