Per ottimizzare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies. Cliccando accetta si autorizza l'uso dei cookies. Maggiori informazioni
Accetto
Register
iscriviti gratuitamente ad It's Tuscany, scoprirai gli incantevoli territori della Toscana, i suoi prodotti e le sue tipicità
Privato
Azienda
 Registrami alla newsletter per ricevere offerte sui prodotti e news dai territori
Inviando questo modulo si accosente il trattamento dei dati personali sopra inseriti, per la funzione del servizio richiesto, i dati saranno tutelati in base al d.l. n 196 del 30 giugno 2003 decreto legislativo n. 196 del 30/06/2003
 * Spuntando la casella si accettano i  Termini e condizioni generali  di It's Tuscany

Siena

Notizie

Jacopo della Quercia e la sua opera capolavoro: Fonte Gaia

Una fonte in mezzo a Piazza del Campo (Siena)

Jacopo detto della Quercia

Jacopo di Pietro d'Agnolo di Guarnieri detto Jacopo della Quercia nato a Siena nel 1374 circa è stato uno sculture italiano

Le sue opere e il suo interesse si rivolsero alle figure, rese monumentali. Tentò una sintesi fra la scultura gotica di Giovanni Pisano e quella borgognona. Fu stilisticamente un isolato, che venne capito successivamente solo da Michelangelo.

 

L’omaggio a Siena: Fonte Gaia

Fonte Gaia, la più bella fonte di Siena, situata in Piazza del Campo, è l’opera-capolavoro dello scultore Jacopo della Quercia.

Inaugurata nel 1346, deve il nome ‘Gaia’ all’esultanza del popolo senese quando vide sgorgare l’acqua in piazza. Per alimentarla era stata costruita una galleria idraulica di trenta metri. La Fonte venne decorata da una serie di rilievi commissionati a Jacopo della Quercia.

Il debole materiale e la vita che si svolgeva in piazza danneggiarono la Fonte, oltre ad un episodio del 1743 nel quale per vedere meglio il Palio si arrampicarono su una delle sculture di Rea Silvia.

Nel 1859 fu deciso di sostituire la fonte di Jacopo della Quercia con una copia in marmo di Carrara commissionata allo scultore senese Tito Sarrocchi e fu protetta da una cancellata di Giuseppe Partini. I rilievi sono stati ristrutturati e sono oggi al Museo di Santa Maria della Scala.