Per ottimizzare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies. Cliccando accetta si autorizza l'uso dei cookies. Maggiori informazioni
Accetto
Register
iscriviti gratuitamente ad It's Tuscany, scoprirai gli incantevoli territori della Toscana, i suoi prodotti e le sue tipicità
Privato
Azienda
 Registrami alla newsletter per ricevere offerte sui prodotti e news dai territori
Inviando questo modulo si accosente il trattamento dei dati personali sopra inseriti, per la funzione del servizio richiesto, i dati saranno tutelati in base al d.l. n 196 del 30 giugno 2003 decreto legislativo n. 196 del 30/06/2003
 * Spuntando la casella si accettano i  Termini e condizioni generali  di It's Tuscany

Firenze

Notizie

Il curioso aneddoto sul naso del David di Michelangelo

Dietro la realizzazione della celebre opera d’arte si cela un simpatico racconto

Gli artisti si sa sono molto gelosi delle loro creazioni, era così anche il celebre Michelangelo che notoriamente era un tipo particolarmente permaloso.

Siamo nel 1504 nella bottega dove il famoso scultore stava per ultimare una tra le sue più conosciute opere, il David. Per l’occasione le più alte autorità della repubblica fiorentina si erano recate a osservare la grande statua, alta più di quattro metri, realizzata per essere collocata, quale simbolo di giustizia e libertà della città di fronte al mondo, in piazza della Signoria, davanti a Palazzo Vecchio.

Tra di loro anche il gonfaloniere Piero Soderini, protettore delle arti che, forse per mostrarsi esperto d’arte, in quella occasione manifestò a Michelangelo le sue perplessità sulle proporzioni corrette del naso della statua.

L'astuzia del genio

 

Lo scultore, nonostante il caratteraccio, acconsentì stranamente a ridurre il naso ma prima di salire sulla scala per mettere in opera il suggerimento, nel raccogliere martello e scalpello raccolse anche un po’ di frammenti e polvere di marmo che si trovavano sul pavimento.

Cominciò così a far finta di ridurre il naso: un colpetto lì, uno là ed intanto apriva leggermente la mano facendo cadere i pezzetti di marmo e la polvere. Convinse in questo modo i presenti che stesse davvero scalpellando il naso, così tanto che il gonfaloniere rimase soddisfatto della modifica, esclamando che la statua con quella modifica era divenuta perfetta.

Il David, oggi simbolo della città di Firenze, è considerato come uno dei capolavori assoluti della storia dell’arte, simbolo della scultura universale e della grandezza di Michelangelo, il cui genio creativo (e il naso del David ne è l’esempio) non aveva bisogno di suggerimenti estetici.