Per ottimizzare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies. Cliccando accetta si autorizza l'uso dei cookies. Maggiori informazioni
Accetto
Register
iscriviti gratuitamente ad It's Tuscany, scoprirai gli incantevoli territori della Toscana, i suoi prodotti e le sue tipicità
Privato
Azienda
 Registrami alla newsletter per ricevere offerte sui prodotti e news dai territori
Inviando questo modulo si accosente il trattamento dei dati personali sopra inseriti, per la funzione del servizio richiesto, i dati saranno tutelati in base al d.l. n 196 del 30 giugno 2003 decreto legislativo n. 196 del 30/06/2003
 * Spuntando la casella si accettano i  Termini e condizioni generali  di It's Tuscany

 

Arcidosso

Condividi:  Send via email Share on facebook Share on twitter share on Google plus share on WhatsApp

NEL CUORE DEL MONTE AMIATA

Tra i più importanti centri del Monte Amiata, le prime tracce documentate del borgo di Arcidosso si trovano in un documento risalente all’860 d.C.. Il nome del paese deriva dal latino arx e dossum ovvero “fortezza sul dosso”. A partire dal XII secolo Arcidosso è tra i possedimenti della famiglia degli Aldobrandeschi, che lo fortificarono iniziando la costruzione del castello. Oggi rimane a fare bella mostra di sé nel cuore cittadino la possente Rocca Aldobrandesca, edificio a sezione quadrangolare con pareti esterne decorate con la tipica muratura medievale. Nel 1331 il borgo e il castello entrarono a far parte della Repubblica di Siena fino al 1559 quando passò sotto il potere dei Medici.

Nel territorio comunale di Arcidosso, sul Monte Labbro, oltre ad una natura incontaminata, tutelata dalla Riserva Naturale del Monte Labbro, si trova nella sua vetta la Torre Giurisdavidica, ultima testimonianza della religione fondata nell’800 da David Lazzaretti.

 

Tradizioni

Nella frazione di Montelaterone, presso la Pieve a Lamula, rivive ogni anno la prima domenica dopo Pasqua, la tradizionale Festa della Pina. In passato i giovani offrivano in dono delle pine e dei ramoscelli di edera alle fanciulle di cui erano innamorati, mentre le ragazze ricambiavano il dono regalando loro il “corollo”, una ciambellina dolce.

 

Tipicità

Grazie alle condizioni climatiche particolarmente favorevoli, la castanicoltura nel comune di Arcidosso e nell’area del Monte Amiata ha sempre avuto una grande diffusione. La castagna dell’Amiata è tutelata dal marchio IGP nelle sue tre varianti: marrone, bastarda rossa e cecio. Piatto tipico, la zuppa arcidossina, gli ingredienti principali sono spinaci, ricotta e gli “strigoli”, erba spontanea che nasce nei castagneti.

 

 

Photo Credits [wikipedia.org]

Events Eventi
News Notizie
Stores Aziende
Company Company
Operators Operators
Hotels Hotel
Restaurants Ristoranti
Raggio
Filtra per categorie: 
 5 Km
 10 Km
 15 Km
 20 Km