Accetto
Per ottimizzare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies. Cliccando accetta si autorizza l'uso dei cookies. Maggiori informazioni
Register
iscriviti gratuitamente ad It's Tuscany, scoprirai gli incantevoli territori della Toscana, i suoi prodotti e le sue tipicità
Privato
Azienda
 Registrami alla newsletter per ricevere offerte sui prodotti e news dai territori
Inviando questo modulo si accosente il trattamento dei dati personali sopra inseriti, per la funzione del servizio richiesto, i dati saranno tutelati in base al d.l. n 196 del 30 giugno 2003 decreto legislativo n. 196 del 30/06/2003
 * Spuntando la casella si accettano i  Termini e condizioni generali  di It's Tuscany

Pieve Santo Stefano

Notizie

Archivio Diaristico Nazionale di Pieve Santo Stefano, Arezzo

La "Città Diario" che racchiude storie di persone qualsiasi

Pieve Santo Stefano è un paese toscano, in provincia di Arezzo, al confine tra Romagna e Umbria.

Qui, nel 1984, Saverio Tutino, giornalista e scrittore, ha deciso di dare vita all’Archivio Diaristico Nazionale per conservare diari, biglietti, lettere e testimonianze di persone comuni.

Parole provenienti da tempi remoti e riunite in un luogo fisico che custodisce queste testimonianze che è importante non vadano disperse.

 

Clelia e il lenzuolo su cui ha raccontato un’intera esistenza

 

Tra le numerose testimonianze, preservate nelle stanze dell’Archivio, alcune sono davvero uniche.

Una su tutte riguarda Clelia Marchi, contadina del mantovano, protagonista di una storia semplice ma straordinaria: la trascrizione della propria storia su un lenzuolo.

Anteo, marito di Clelia, scompare nel 1972 e la donna, dopo questo momento di profondo dolore, decide di raccontare la sua vita utilizzando questo supporto assolutamente inusuale. Perché questa scelta così particolare? Clelia racconta da sempre che essendo le lenzuola non più consumabili insieme al compagno tanto amato pensò di utilizzarle come mezzo su cui comporre la sua autobiografia.

È emozionante pensare a Clelia intenta ad aprire l’armadio della sua stanza, scegliere le lenzuola di lino più belle e stenderle sul letto e incominciare a scrivere. Un contesto intimo e delicato che grazie all’Archivio può giungere a tanti.

 

Tracce di vita passata e contemporanea

 

Un patrimonio quello dell’Archivio che va dal ‘700 fino ai nostri giorni, un osservatorio straordinario su quello che siamo stati, su quello che siamo e che permette di avere una lettura privilegiata sul futuro.

L’Archivio e il Museo sono ovviamente interessati anche alle testimonianze più recenti e da qualche anno vengono preservate anche mail e contenuti dei social network.